Impressioni finali TEDxSSCLive

Impressioni finali TEDxSSCLive

Le luci in sala si affievoliscono, un occhio di bue svela i nostri Host e il TEDxSSCLive ha inizio!

Le voci allegre e squillanti di Claudia Galati e Samuel Boscarello, dopo il saluto del Magnifico Rettore, ci indirizzano subito verso il TED “mood”: apriamo non solo occhi e orecchie, ma anche, e soprattutto, la mente.

E’ Fei Fei Li ad aprire la prima sessione di talk mostrandoci come, insieme ad un team di suoi collaboratori, stia insegnando ad un computer, non a caso la sessione si chiama proprio “Machine that learn”, a leggere ed interpretare le immagini come un uomo, riuscendo a volte ad essere anche più preciso. La scienziata conclude sottolineando come il computer commetta ancora piccoli sbagli che suscitano un sorriso e, soprattutto, come quella sfera di emozioni, sentimenti, sfumature così prettamente umana non può ancora essere compresa da una macchina, ma rimane propria di un cuore palpitante in carne ed ossa.

Se Fei Fei Li tenta di rendere più umana la visione di una macchina, Jason Padgett ci mostra invece la sua visione, matematica e perfettamente scientifica della realtà. Galileo sosteneva che “Il mondo è scritto in lingua matematica, e i caratteri son triangoli, cerchi e altre figure geometriche”, Jason ce lo dimostra tramite i suoi disegni, il suo sguardo su tutto ciò che lo circonda.

Dopo lo spettacolare intervento di David Eagleman che ci ha presentato come sia possibile vedere ma non attraverso gli occhi e sentire ma non attraverso le orecchie in un modo assolutamente inusuale, i nostri splendidi Host ci invitano a parlare insieme di quanto ascoltato finora circondati dall’antica ambientazione di villa San Saverio e rifocillati da un aperitivo con un piccolo assaggio di prodotti siciliani.

Se il cibo ci riporta alla nostra terra, il talk che segue il nostro rientro in sala ci fa volare ben lontano dalla Scuola Superiore, dritti verso la stratosfera. Proprio da quassù, a ben 42.000 metri di altezza, Alan Eustace si è lanciato in caduta libera verso la Terra, come ci racconta nel suo talk accompagnato da immagini mozzafiato, oltrepassando la velocità del suono a 1322 km/h.

Suoni ben diversi ci regala il piccolo talento prodigio Joey Alexander, pianista di soli 11 anni, che ci ha fatto emozionare e sognare sulle note di due brani jazz e sorridere con il suo fare così timido a parole, così sicuro e sciolto in musica.

La musica conclude le due sessioni di talk che TEDxSSClive si è proposta di condividere con il pubblico, ma l’evento continua anche dopo: quella stessa sera di fronte una cena invitante, e in tutti i giorni successivi con i tweet, le foto e soprattutto la riflessione e la diffusione delle idee che gli speaker hanno condiviso.

Essere TEDxer

Essere TEDxer

Tante volte ci è stato chiesto: perché organizzare un evento TEDx? Perché proprio a Catania? Perché proprio presso la Scuola Superiore di Catania? Queste secondo noi le parole chiave della nostra sfida:

Futuro: siamo giovani, prevalentemente studenti universitari. Studiamo il passato, ma il passato non ci basta. Vogliamo lasciare il nostro segno e contribuire a costruire il futuro. Il nostro futuro. E per farlo abbiamo bisogno di creare una comunità che sviluppi nuove idee ambiziose, coraggiose, condivise, attorno alle quali discutere e progettare le nostre azioni. TED è la piattaforma migliore per conoscere, presentare e discutere queste idee.

Eccellenza e Interdisciplinarità: La mission della Scuola Superiore di Catania è promuovere l’eccellenza. Le idee migliori hanno bisogno delle ragazze e dei ragazzi migliori che credono che si possa ricevere una formazione di eccellenza a Catania e al centro del Mediterraneo. Uno degli ingredienti di questa formazione è l’interdisciplinarità: abbattere tutte le barriere tra le singole discipline per trovare le opportunità più interessanti di indagine, studio, sviluppo proprio al confine tra le discipline, in quelle aree inesplorate in cui far convergere la diversità di culture, idee e orientamenti per creare qualcosa di nuovo. La Scuola Superiore di Catania è quindi l’incubatore ideale per far maturare le idee TED.

Passione: TED e TEDx si basano sulla passione di coloro che vogliono contribuire a far conoscere le idee migliori. TEDx rimane un’attività che si basa sul lavoro effettivo di persone che non ne traggono beneficio economico ma si impegnano come per un secondo lavoro (link). Abbiamo deciso di dedicare il nostro tempo, le nostre energie, la nostra voglia di fare a questa iniziativa. E farlo a Catania ha un significato particolare. Altrove sarebbe stato tutto più facile. Ma il bello è proprio organizzare questo tipo di eventi culturali a Catania, dove più se ne sente il bisogno.

Spirito di iniziativa: Alessio Sartore scrive sul Corriere del Mezzogiorno che come un’impresa, un TEDx ha bisogno di fondi per partire (sponsor) e vendere un prodotto o un servizio (talk). Il placement è il luogo dove avviene l’evento. Gestire il team di volontari è la gestione delle Hr. La risonanza dell’evento vive grazie al press management fatto prima e dopo. I clienti sono il pubblico che paga per lasciarsi ispirare. Organizzare un evento TEDx richiede competenza, professionalità, capacità di leadership e management. Queste non sono doti innate, ma richiedono esercizio e spazio per crescere, sbagliare, migliorarsi. Un motivo ulteriore per organizzare un evento TEDx in un contesto universitario, dove vengono formati i futuri leader della nostra società.

TEDxSSC è una sfida. Una sfida difficile, forse folle. Ma proprio per questo vale la pena giocare la partita. Noi siamo pronti. E tu?

Tre motivi per restare

Tre motivi per restare

“Mantenere la propria identità, perché le proprie radici e la propria identità sono una ricchezza inestimabile su cui costruire la propria personalità e da cui partire per creare qualcosa di nuovo ed eccezionale”

Giorno 3 Marzo 2015 esce il nuovo lavoro discografico del jazzista siciliano, ormai famoso nel mondo, Francesco Cafiso. In un’intervista definisce così il suo nuovo prodotto: << 3 >> – questo il titolo- << è interamente costituito da mie composizioni originali. Tre album profondamente diversi: “La banda”, “20 cents per note” e “Contemplation”. “La banda” ritrae la mia sicilianità, in memoria del legame che unisce la mia terra al jazz; “20 cents per notes” è la mia anima artistica, la mia indole jazzistica che non mi abbandona mai; “Contemplation” rappresenta la mia spiritualità, la mia concezione intima dell’esistenza.>>

Il numero tre, che cuce insieme questo nuovo lavoro, è stato al centro anche del suo intervento durante lo scorso TEDxSSC di Ottobre 2014, in cui ha spiegato tre buoni motivi per restare in Sicilia: “mantenere la propria identità, cambiare ciò che ci circonda e trovare il supporto di chi ci è accanto.”

Così, rendendo la tradizione bandistica siciliana una delle tante “radici” del jazz, ad Ottobre, in largo anticipo dall’uscita del disco, il pezzo intitolato “la banda” da cui prenderà spunto l’intero album che uscirá solo a Marzo.

Con la speranza che i buoni propositi di Francesco e soprattutto la musica con le emozioni che sa veicolare ci spingano a far diventare regola quella che per ora è solo un’eccezione, credere nelle risorse del proprio territorio, vi riproponiamo le parole e la melodia di quell’intervento.

Team TEDxSSCLive

Team TEDxSSCLive

Ecco il team che sta dietro a TEDxSSClive! Tanto impegno e lavoro per arrivare ad un ottimo risultato giorno 18 Marzo.

I componenti del team:

Emanuele Francesco Pecora – Chief organizer
Roberta Sinatra – Co-chair
Samuel Boscarello – Host & Budget manager
Simone Di Majo – Event manager & Budget manager
Maurizio Di Marco – Logistics coordinator
Silva Majorana – Logistics coordinator
Matteo Orlando – Social media manager
Simona Poidomani – Press secretary
Matteo Regolo – Web content manager & Media producer
Fabio Russo – Production leader
Ester Sudano – Event manager
Emanuele Bocchieri – Staff member
Daniele Virgillito – Co-chair
Lina Scalisi – Faculty advisor
Giovanni Gallo – Faculty advisor